Acido ialuronico: cos’è e a cosa serve - Biogena

Acido ialuronico: cos’è e a cosa serve

acido ialuronico

L’acido ialuronico è una sostanza che il nostro corpo produce naturalmente e che insieme alle fibre collagene ed elastiche, rappresenta il “cemento” di tutti i tessuti. È tra gli elementi che svolgono un ruolo fondamentale nel preservare al meglio lo stato di salute della pelle e di molti altri tessuti dell’organismo.

Acido ialuronico: a cosa serve?

L’acido ialuronico è un componente del derma, presente in diversi organi e tessuti come la pelle, le cartilagini, gli occhi, i tendini e il liquido sinoviale e svolge importanti funzioni:

  • è un potente idratante che, grazie alla capacità di legare numerose molecole di acqua, conferisce alla pelle elasticità, tonicità e morbidezza
  • lubrifica e ammortizza le parti del corpo sottoposte a continuo movimento come le articolazioni, i legamenti e i tendini
  • stimola i processi di riparazione e di rigenerazione della pelle e dei tessuti danneggiati, accelerando la guarigione delle ferite
  • garantisce protezione e lubrificazione al bulbo oculare
  • migliora le funzioni del sistema immunitario stimolando la migrazione dei globuli bianchi in caso di infiammazione

Con il passare degli anni l’acido ialuronico prodotto in modo naturale diminuisce notevolmente ed è proprio questa riduzione una delle principali cause dell’invecchiamento cutaneo. La pelle man mano perde il tono ed elasticità, riduce il suo spessore, cambia la colorazione e compaiono le rughe, che del processo di invecchiamento rappresentano il segno più significativo e visibile.

Scopri qui le cause dell’invecchiamento cutaneo.

Acido ialuronico e trattamenti anti-età

Uno dei principali obiettivi della cosmetologia applicata alla cute è quello di mantenerne l’idratazione, diminuendo i segni dell’invecchiamento e preservandone così lo stato di salute. A tal proposito una delle scoperte più recenti ed interessanti in campo cosmetico è rappresentato dai prodotti della linea Bioliftan di Biogena, un trattamento intensivo anti-età che contiene un complesso molecolare in grado di proteggere la struttura dell’acido ialuronico naturalmente presente all’interno della pelle, restituendole elasticità, turgore e rendendo così le rughe meno visibili.

wsi-imageoptim-bioliftan-linea

La linea presenta soluzioni adatte a tutte le esigenze specifiche. Per mantenere la pelle idratata e ben pulita Bioliftan Cleansing Mousse può rappresentare un valido alleato. Rimuove ogni tipo di impurità alla sera e risveglia al mattino la vitalità della pelle.

Dopo un’accurata pulizia del viso è utile applicare una crema da giorno anti-età come Bioliftan Day Cream che agisce in profondità, aumentando in maniera specifica il suo contenuto di acido ialuronico.

Anche la zona del contorno occhi richiede attenzioni specifiche perché tende ad assottigliarsi con l’età e a diventare più fragile. Per questo la linea offre un prodotto specifico, Bioliftan Eye Contour, per prevenire e risolvere tutti i problemi estetici che interessano l’area del contorno occhi.

Scopri qui tutti i prodotti della linea Bioliftan.

Acido ialuronico: altri usi e controindicazioni

Quando la pelle appare maggiormente compromessa, si può ricorrere ai cosiddetti “filler”, ovvero alle iniezioni di acido ialuronico attraverso piccoli aghi sottili. Queste iniezioni non conferiscono però un risultato permanente, è necessario infatti ripeterle ogni 4-6 mesi, poiché l’acido ialuronico va incontro ad un processo naturale di riassorbimento.

acido ialuronico usiSe il prodotto viene invece somministrato per via iniettiva, bisogna prestare attenzione a diversi aspetti: può causare dolore ed arrossamento nella zona in cui viene applicato, e talvolta possono comparire alcune ecchimosi.

È fondamentale inoltre che le iniezioni di acido ialuronico siano eseguite da un medico che abbia esperienza clinico-pratica e all’interno di ambulatori attrezzati.

Lo sapevi che?

Generalmente si sconsiglia l’uso dei filler a base di acido ialuronico durante la gravidanza o nei primi mesi dell’allattamento, negli individui con ipersensibilità specifiche accertate, in presenza di lesioni cutanee, di problemi infettivi e/o infiammatori o in presenza di malattie autoimmunitarie.